2494 Visualizzazioni |  Mi Piace

“Il Canto della Terra” di Andrea Bocelli dalla toscana ad Haiti passando per il mondo

Posso dirlo con certezza !

E’ stata la più bella delle cinque edizioni del Teatro del Silenzio alle quali ho avuto l’onore di collaborare in qualità di event manager Vip hospitality.

Dodicesimo anno dei concerti al Teatro del Silenzio, quinta presenza consecutiva per Salotti del Gusto.

Ancora una volta abbiamo accolto oltre 1000 ospiti Executive dell’Area Hospitality,  il suggestivo spazio “country chic” concepito per riunire, prima del concerto, uno spaccato del mondo e celebrare, oltre alla straordinaria voce del Maestro Bocelli, le eccellenze dell’arte, della moda e dell’ enogastronomia.

Il nostro “salotto,” contemporaneo e bucolico, splendidamente affacciato sulle colline circostanti, da sempre cattura l’ammirazione dei presenti che trascorrono le ore precedenti lo spettacolo ammirando il panorama straordinario e le imponenti scenografie del concerto, e gustando i sapori tipici della toscana più autentica accompagnati da vini d’autore e autentiche “chicche” gourmet, italiane e  internazionali.

Tra le novità di quest’anno, gli ospiti hanno potuto ammirare in anteprima le installazioni artistiche che hanno illuminato il “gran finale” post concerto; una edizione limitata di Essence of Art, realizzata in formato tridimensionale da Oltre Design di Milano, firmata dalla nota artista Ludmilla Radchenko

Sul palco, accanto ad Andrea Bocelli, anche il figlio Matteo, e il coro dei bambini di Haiti.

Un viaggio musicale a 360° dall’opera lirica al folklore fino alle danze più belle del mondo.

Nel repertorio, alcune tra le più famose arie d’opera estratte da Madame Butterfly, Bohéme e Tosca di Puccini, Il ballo maschera e Il Trovatore di Verdi; spazio anche alle musiche tradizionali di paesi come la Spagna, l’Argentina e l’armenia.

Regia di Luca Tomassini, scenografie dell’architetto Alberto Bartalini.La serata si è chiusa con un dinner esclusivo after show con 300 invitati selezionati, vip e celebrities.

Allestimenti e menu sono stati firmati, ancora una volta, Salotti del Gusto.

Gli ospiti sono stati accolti dallo showcokking dello chef Italo Bassi, ex Enoteca Pinchiorri e tre stelle Michelin, oggi alla guida del Confusion Boutique Restraurant di Porto Cervo, per una straordinaria degustazione di caviale Ars Italica Caviar, in purezza e interpretato su crema di pomodori e uova di quaglia.

La prima “isola” di un percorso gourmet, ideato dallo chef Daniele Novosedlik,  che ha portato gli invitati attraverso le specia Medicee toscane, dal pregiato prosciutto “Soprano” di maiale grigio invecchiato 4 anni al “gran pezzo” di Mucco Pisano della Norcineria Lo Scalco di San Miniato, fornitore ufficiale carni e salumi degli eventi Salotti del Gusto.

Tutte le portate sono state accompagnate dai vini di produzione della fam. Bocelli, dal Gran Cuveè doc  al Rosè Premium Bocelli 1831, Sangiovese di Toscana IGF Bocelli Family Wines, Alcide IGT Bocelli 1831 e Fiori d’Arancio Colli Euganei Docg Bocelli 1831.

Acqua ufficiale, da cinque edizione, è Lauretana, nelle inconfondibili bottiglie in vetro design Pininfarina, la più leggera in Europa, apprezzata e richiesta a gran voce anche dai camerini.

Nell’after dinner, gli ospiti hanno degustato un’autentica chicca; Skinos Mastiha Spirit, liquore di erbe proveniente dalla distillazione del mastice delle piante di un’isola della Grecia.

Tra i partner dell’evento,  Magna Pars Suites Milano, Edra, Toscana Pallet, Gruppo Giardini, Seamless1, leader nell’hair care, Blackfin, gli occhiali in titanio concentrato di tecnologia e design, espressione del new Made in Italy, Ideal Forme 2000 e AD Vip Experience, compagnia specializzata in private e corporate luxury travel & experience legate a sport e spettacolo.

Adesso chiudete gli occhi e mentre ascoltate Andrea cantare, innamoratevi dei bambini di Haiti e della loro contagiosa gioia che, ne sono certa, hanno conquistato i cuori di ogniuno dei 15.000 spettatori che sono accorsi da tutto il mondo per celebrare l’arte del bel canto, il Made in Italy e la gioia.

“Whoever is happy will make others happy too” 

E ora, le parole alla Gallery.

(r.c.)